Maria Carola Vizioli

Si iscrive nel 2008 prima al Conservatorio G.Nicolini di Piacenza e poi al Conservatorio di S.Cecilia a Roma dove segue il corso di biennio di II livello di Violino Barocco tenuto dal M. Enrico Gatti.
Nel 2014 si laurea col massimo dei voti in Violino Barocco sotto la guida del M. Luigi Mangiocavallo con una tesi sul compositore romano Carlo Mannelli.

Da adolescente vivevo a Napoli dove l’associazione Scarlatti organizzava delle settimane di musica di insieme con prove aperte al pubblico nella splendida sede di Villa Pignatelli, una villa neoclassica immersa in un magico parco. Saltavo la scuola pur di poter seguire quelle prove, dove grandissimi musicisti come Accardo, Giuranna, Canino, Ghedin, Filippini e altri, si scambiavano idee sulla concertazione, studiando impegnativa musica da camera in un clima rilassato ed allegro! Fu in quel momento che presi la mia decisione di suonare il violino in un gruppo da camera. Pur avendo avuto precedentemente un primo approccio allo strumento, all’età di 15 anni mi decisi in modo stabile, per cui iniziai regolarmente con il mio primo maestro.

Più tardi arrivò la passione barocca, seguendo il corso monografico che Pierluigi Petrobelli teneva su Corelli alla Sapienza.  Il resto è stato la ricerca di quel suono che solo la corda di budello poteva darmi, con quella versatilità ed espressività così vicina alla voce umana. Senza mentoniera e spalliera il violino barocco risuona direttamente nella mia cassa toracica, diventando una vera “prolunga” dell’anima.

Ha al suo attivo numerosi concerti con diverse formazioni barocche quali: Gruppo Otiosi, Ensemble barocco InCanto, Accademia Hermans, Roma Barocca Ensemble, Ensemble di Musica Antica del Conservatorio di S.Cecilia, Ensemble strumentale La Cantoria, Orchestra barocca del Conservatorio A.Casella dell’Aquila, Gruppo Barocco Romano, Enea Barock Orchestra.