IL SALOTTO, L’ACCADEMIA, LA LINGUA…”VENERDÌ IN MUSICA A PALAZZO PRIMOLI”

Biblioteca della Fondazione Primoli (II Piano)

1 Marzo 2024 Ore 15:00

La musica è una matematica misteriosa i cui elementi partecipano dell’Infinito. È responsabile del movimento delle acque, del gioco di curve descritte da mutevoli brezze; nulla è più musicale di un tramonto! Per chi sa guardarlo con emozione, è la miglior lezione di sviluppo scritta in quel libro non troppo frequentato dai musicisti che è la Natura… Guardano sui libri, attraverso i maestri, sollevando devotamente quella vecchia polvere sonora; va bene, d’accordo, ma l’arte potrebbe essere più lontano! (Achille Claude Debussy)

LA POETICA DELLA FLUIDITA’

Nel secolo XIX, anche in Francia si diffonde il concetto del Romanticismo che verrà espresso con la musica o altre manifestazioni artistico-culturali, ma in modo diverso, ovvero…più alla francese; per usare una loro stessa terminologia “più superficiale”. Il temperamento francese è infatti più portato a non esagerare nelle cose e di queste, cogliere soltanto la parte più divertente o meglio, più mondana evitando che lo spirito “fanatico” o troppo “impegnato” oltrepassi i limiti del buon gusto, della misura e delle buone maniere.
In questo periodo troviamo a Parigi, una grande quantità di correnti musicali tutte derivanti l’una dall’altra in un continuo gioco di reciproche influenze; è la Francia della Belle Epoque (la Bella Epoca) in cui la gente, evitando volutamente i problemi di carattere sociale, si vuole godere la vita in uno sfavillio di luci, colori e musica che fanno da coreografia a questo particolare momento.

La Rassegna Il Salotto, l’Accademia, la Lingua…Venerdì in musica a Palazzo Primoli in una cornice raffinata ed evocativa attraverso una serie di concerti a tema affronterà, attraverso la interpretazione di Artisti straordinari, il problema del rapporto tra musica e parola, tra linguaggio dei suoni e linguaggio verbale e di come nel XIX secolo la classificazione ancora largamente sostenuta almeno nel secolo precedente, persino da Voltaire, secondo la quale tra le arti in vetta c’è la poesia e al livello più basso la musica, fosse destinata non tanto ad un capovolgimento quanto ad un sovvertimento radicale che avrebbe visto musica e poesia in una situazione di complicità e di stretta relazione non più scindibile. Molti pensatori in particolare del Settecento Francese avevano già messo questo tema al centro della loro riflessione aprendo nuove strade non solo all’estetica musicale ma a tutto il pensiero estetico nella sua globalità.
Nella seconda metà dell’800, in Francia nasce un movimento letterario denominato: “Naturalismo” che trae fonte di ispirazione dall’ambiente di emarginazione, presente nei bassifondi parigini. Teorico del Naturalismo francese e massimo rappresentante fu Emile Zolà. Anche se precursore, celeberrimo è stato, tra gli altri, Victor Hugo con il romanzo “I Miserabili”. Nel campo musicale, l’autore che si affianca a questo filone, fu “George Bizet con la “Carmen” in cui prevalgono motivi popolari di stile spagnolo; nelle vicende, si evidenziano le passioni selvagge, espresse in modo crudo, tipico del realismo “quotidiano” dei suoi personaggi e soprattutto Claude Debussy e Maurice Ravel che grazie al “tocco” di originalità e all’impressione che scaturiva dai loro lavori, vennero inclusi dalla critica, in questa corrente.
Debussy a Parigi e frequenta il salotto di “Mallarmè” decisivo per la sua formazione. Il suo gusto raffinato, lo porta a ribellarsi alle vecchie regole della tonalità, creando dissonanze ma senza urto, intrise di dolcezza, lasciando una “impressione” vaga e sfumata nello spettatore.

MIRCO ROVERELLI

ha conseguito il diploma di pianoforte sotto la guida del M° Stefano Cucci con il massimo dei voti al Conservatorio di S.Cecilia in Roma, dove ha inoltre studiato composizione. Ha poi seguito il corso di perfezionamento tenuto dal M°S.Perticaroli presso l’Accademia Nazionale di S.Cecilia diplomandosi nel 1995 con il massimo dei voti e la lode.
Ha avuto la prima affermazione a soli 9 anni risultando vincitore del secondo premio alla “Coppa Pianisti d’Italia”. Da allora ha collezionato numerosi riconoscimenti in vari concorsi nazionali ed internazionali (tra cui 6 primi premi).
Ha debuttato in un recital solistico a soli 12 anni e da allora ha tenuto concerti, anche come solista con orchestra, nelle principali città italiane. All’estero ha suonato in prestigiose sale da concerto tra cui si ricordano la Queen’s Hall di Edimburgo, il Salon Dorado del Teatro Colon di Buenos Aires, La Wells Chatedral in Inghilterra, il Museo Liszt a Budapest. Oltre all’attività di solista, da un ventennio si dedica attivamente allacollaborazione nel repertorio operistico e corale sinfonico. Collabora con la Rai,Radio 3 e ha registrato per la trasmissione “La Barcaccia” selezioni da Carmen con B.Baglioni e Falstaff con G.Taddei, F.Cossotto, A.Romero e J.Perry. Ha accompagnato cantanti di fama internazionale: fra gli altri,J.Carreras, F.Bonisolli, A.Rinaldi, R.Aronica,F.M.Capitanucci, J. Kaufmann, A. Netrebko, S.Ganassi solo per citarne alcuni.
Dal 1998 è Maestro collaboratore di sala all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e ha lavorato con i più grandi direttori tra i quali: W.Sawallisch, J. Tate, C.Abbado, G.Sinopoli, M.W.Chung, G.Pretre, D.Oren, A.Pappano e tanti altri.
E’ stato il pianista per il concerto tenuto dal grande baritono Leo Nucci tenutosi a Spoleto per i suoi 40 anni di carriera, del quale concerto stato registrato anche un CD live. E’ regolarmente invitato in importanti concorsi internazionali come pianista accompagnatore e a tenere Master Class come preparatore di cantanti lirici.
Nel Dicembre 2010 ha intrapreso anche l’attività di direttore d’orchestra che lo ha già visto impegnato in diversi concerti, e recentemente ha debuttato nelle opere Carmen di G.Bizet, Tosca di G.Puccini e Barbiere di Sibviglia di Rossini riscuotendo un grande successo di critica e pubblico.
Nel 2013 è stato invitato al prestigioso Gabala Festival di Baku (Azerbaijan)dirigendo un concerto lirico con la Jerusalem Philarmonic Orchestra, che ha visto tra gli altri, la partecipazione del grande baritono Sergei Leiferkus e del tenore Yusif Eivazof.
Nel mese di Marzo 2016 è stato invitato a tenere un concerto sinfonico con la Bacau Symphony orchestra riscuotendo un calorosissimo successo.
A Luglio 2017 ha debuttato al Mythos Opera Festival nella Carmen di G.Bizet, nella magnifica cornice del Castello Maniace di Siracusa. Nel 2018 ha debuttato come direttore in Traviata al festival VIVA OPERA di Magnitogorsk in Russia.

PATRIZIO LA PLACA
Dopo una formazione come puer cantor della Cappella Musicale Pontificia Sistina e all’Accademia di S. Cecilia con J. M. Sciutto, frequenta il Triennio di Canto Lirico e il Biennio di Canto Barocco con Sara Mingardo al Conservatorio “S. Cecilia”. Si perfeziona all’Accademia “Celletti” e all’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino. Ha interpretato numerosi ruoli solistici, tra cui Darete nel Polidoro di A. Lotti (Teatro Olimpico di Vicenza) e Moralès in Carmen di Bizet (Maggio Musicale Fiorentino), Masetto, nel Conte, Guglielmo, Marullo, Monterone, Malatesta (Conservatorio), Lo Svegliato\Il Notaio nel Barbiere di Siviglia (G.Paisiello), Reate Festival 2016, M° F. Biondi Ben, Il Telefono (G.Menotti) Reate Festival 2017, M° F. Amendola Rodimarte, Il Trionfo dell’Onore (A.Scarlatti), 44° Festival della Valle d’Itria, M° J.Raffaele Darete, La Traviata (G.Verdi), Maggio Musicale Fiorentino, M° E. Calesso Henry Martel, Un marì a la porte (J.Offenbach), Maggio Musicale Fiorentino, M° V.Galli Fiorello, Barbiere di Siviglia (G.Rossini), Maggio Musicale Fiorentino, M° M.Gamba Antonio, Le Nozze di Figaro (W.A.Mozart), Maggio Musicale Fiorentino, M° K.Poska Frangipani, Coscoletto (J.Offenbach), 45° Festival della Valle d’Itria, M° S.Quatrini/G.Montesano Rodimarte, Il Trionfo dell’Onore (A.Scarlatti), Japan Opera Festival 2019, Teatro del Giglio SHOWA (Tokyo), M° A.Greco.
Ha partecipato a numerosi Concorsi. 2017 ottobre- Finalista del Concorso Internazionale di Canto Lirico “F.Ricci” a Viterbo. 2018 marzo- Vincitore del Concorso Internazionale di Canto Lirico “A.Chenier” a Foggia. 2019 maggio- 4° posto al Concorso Internazionale di Canto Lirico
“Neapolitan Masters Competition”, Napoli 2019 settembre- Finalista del Concorso Internazionale di Canto Lirico “Salice d’oro” a Novara.

PROGRAMMA:

George Bizet

Pescatori di perle aria di Zurga L’orage s’est calmé

Carmen aria di Micaela Je dis que rien ne m’épouvante

Soprano: Costanza Fontana

Pianoforte: Mirco Roverelli

Éric Alfred Leslie Satie

Gymnopedie n.1

Pianoforte: MIrco Roverelli

Joseph Maurice Ravel

Don Quichotte a Dulcinee, Chanson Romanesque, Chanson Epique, Chanson à Boire

Baritono: Patrizio La Placa

Pianoforte: Mirco Roverelli

Charles François Gounod

Roméo et Juliette, Je veux vivre

Soprano: Costanza Fontana

Pianoforte: Mirco Roverelli

Joseph Maurice Ravel

Pavane pour une Infant defunte

Pianoforte: Mirco Roverelli

Achille Claude Debussy

Beau Soir

Soprano: Costanza Fontana

Pianoforte: Mirco Roverelli

Jules Émile Frédéric Massenet

Meditation from Thais, duetto finale

Soprano: Costanza Fontana

Baritono: Patrizio La Placa

Pianoforte: Mirco Roverelli

Alla fine del Concerto condivideremo con i presenti un delizioso aperitivo e squisitezze ricolme della sapiente alchimia delle salse e delle glasse in una rievocazione dell’arte culinaria dell’800 Francese grazie allo Chef Roberto Angelitti.

POST PRODUZIONE

IL SALOTTO, L’ACCADEMIA, LA LINGUA…”VENERDÌ IN MUSICA A PALAZZO PRIMOLI”

I Concerto: La Poetica della Fluidità

Cast:

Stage Manager: Giovanni Del Monte
Soprano: Costanza Fontana
Baritono: Patrizio La Placa
Pianoforte: Mirco Roverelli

Team di produzione:

Produzione Esecutiva: Giovanni Del Monte
Coordinamento Artistico: Giovanni Del Monte, Maria Miriam Di Pasquale Baumann, Anna Paola Milea
Coordinamento Tecnico Musicale e Archivio Storico: Mirco Roverelli
Coordinamento Internazionale e Archivio Storico: Prof. Letizia Norci Cagiano de Azevedo
Segreteria di Produzione: Dr.ssa Sandra Cappello, Dr.ssa Stefania Colesanti
Reportage Fotografico e Produzione Grafica: Tommaso Sesti
Progetto e Coordinamento Editoriale: Eraclea Edizioni
Catering e Allestimento: Dolcemascolo